lunedì 26 giugno 2017

WE WANT SEX!

Il film del 2010 di Nigel Cole prende il titolo dallo striscione che le manifestanti della "Ford-macchine da cucire" innalzavano per protestare contro la disparità di trattamento tra operai uomini e donne.
Lo striscione riportava "We want sex equality", ma l'angolo piegato nascondeva la parola "Equality", suscitando l'ilarità del mondo davanti a un gruppo di donne che dichiarava "Vogliamo sesso".
E io dico: PERCHE' NO? SOLO GLI UOMINI POSSONO AVERE VOGLIA DI SESSO?
La diseguaglianza tra uomini e donne è anche in questo.
Oggi mi sento la Giovanna D'Arco dei poveri e ho deciso di sporcarmi le mani esponendo una teoria che ho elaborato in questi anni.
Ho già scritto un post nel quale riflettevo sul peso del sesso nei romanzi rosa, ma in questo caso chiamo a raccolta lettrici, autrici e supporters dei romanzi erotici.


Le donne leggono romanzi erotici, sì e anche tanti, basti entrare in una qualsiasi libreria per trovare un vasto corner fornito di libri dalla copertina nera o rossa (per lo più) e dai titoli ammiccanti.
La legge del mercato parla chiaro: se c'è un'offerta è perché c'è la domanda.
I maggiori detrattori del genere sono, neanche a dirlo, gli uomini, che additano le lettrici di erotici come delle frustrate, annoiate, mortedic---o, facendole quasi sentire in colpa ogni volta che le squadrano vedendole prendere in mano Cinquanta sfumature di grigio e simili. Alla faccia della par condicio.
Sembra che alle donne non sia concesso di fantasticare. Sarà che ai tempi (moderni) del Malleus Maleficarum una donna che provava piacere dall'atto sessuale era inconfutabilmente una strega, quindi ROGO!

E' il 2017 ma è ancora così.
Ricordo un giorno che mi trovavo al centro commerciale, nel corner libri, dove i generi sono tutti un po' ammucchiati sullo stesso espositore. C'eravamo io, una signora sui cinquanta e un uomo di mezza età, in completo da ufficio. Lui scorreva i titoli storici e qualche giallo, io e la signora bazzicavamo tra le pile della narrativa impegnata. Appena se n'è andato, come se ci fossimo capite per telepatia, ci siamo fiondate sulla catasta degli erotici per curiosare le novità. Non la conoscevo ma nello sguardo che ci siamo scambiate c'era tutto: intesa, comprensione, libertà. Non ci saremmo giudicate.


Nessun uomo è mai stato messo alla gogna per aver comprato Playboy, il calendario della Canalis, guardato gli spot a luci rosse che vanno in onda sulle reti regionali dopo l'una di notte, o navigare su YouPorn, PornHub, HamsterX eccetera (mi sono documentata XD). Anzi! La società sollecita e incoraggia i maschi a dare sfoggio della loro virilità, a solleticare la propria fantasia, a esercitare l'autoerotismo quasi fosse un hobby comparabile al bricolage. Tutto normale.
Ma se lo fa una donna? Una moglie? Una madre? VERGOGNA!
Sì, sto per farlo... sto per dare la colpa alla SOCIETA'!!! (Che cliché, eh?)
La società non perdona quella sfacciata poco di buono che compra il calendario di Gabriel Garko, si volta per guardare il sedere di un bell'uomo che ha incrociato per strada, o noleggia un DVD del Rocco nazionale. Certo, sei libera di farlo, ma la morale non te lo concede né te lo perdona e in un attimo ti ritrovi l'etichetta di viziosa incollata addosso.
Non facciamo finta che sei stagioni e due film di Sex & The City abbiano cambiato le cose: lo stesso Chris Noth, meglio noto come Mr. Big, in un intervista disse che Carrie era una puttana perchè aveva avuto troppi ragazzi. Da che pulpito...
Quindi, in una società che concede tutto agli uomini, ma che vuole ancora credere nelle donne-madonne (che partoriscono da vergini), arrivano i romanzi erotici a rendere giustizia a questo doppio standard fin troppo sbilanciato a favore dei maschi.
Gli uomini hanno YouPorn, le donne hanno i romanzi erotici.
Sono libri che fanno presa sulla fantasia femminile con protagonisti generosi, dotati, altruisti e creativi, possono scatenare eccitazione, ma c'è qualcosa di male?
No, io non credo, anzi, se un romanzo erotico non fa sentire almeno un po' di formicolio alla lettrice, allora vuol dire che è scritto male.
Un romanzo erotico funziona quando non lo vuoi chiudere perché vuoi arrivare in fondo alla scena bollente; funziona quando, mentre lo leggi, continui a cambiare posizione e a muovere le gambe; funziona quando è il sedici dicembre ma senti caldo come se fosse luglio; funziona quando ti senti la bocca secca e ti è impossibile deglutire, funziona quando ti vengono gli occhi lucidi...
Poi, siamo sinceri, trattandosi di romanzi, di solito contengono una storia che coinvolge l'interesse della lettrice anche aldilà degli atti sessuali esplicitamente descritti (cosa che non si può dire dei video porno), con anche un coinvolgimento intellettivo e emotivo.
Insomma, tutto questo per dire che uomini e donne hanno gli stessi bisogni, sono solo diversi i modi di soddisfarli, ma i romanzi erotici segnano un punto decisivo nel bilancio generale.
Anche se io non scrivo romanzi erotici, li sostengo e sono pienamente a favore perché rappresentano un progresso nella lotta per la parità dei sessi che ancora si fatica a conquistare.
Così è deciso, l'udienza è tolta.

lunedì 19 giugno 2017

Sequel o non sequel, questo è il dilemma?

Bisogna proprio scomodare Amleto per una questione del genere perché la materia dei sequel-prequel-spin off -trilogie-saghe scotta come un'auto rubata.
Breve vademecum delle tipologie sopra citate.
Sequel, questa è facile: seguito di una storia narrata in un primo romanzo che risponde alla domanda "Cosa succede dopo?";
Prequel: vedi sopra, con la differenza che stavolta l'autore risponde a "Cosa è successo prima?";
Spin-off: sviluppo della storia di uno dei personaggi secondari di un romanzo, in un opera autonoma. Lo spin-off si presta anche a essere combinato alla tipologia prequel o sequel, ovvero la sua storia si sviluppa nel futuro rispetto al romanzo 1, o nel passato.
Re-boot: storia narrata nel romanzo 1, viene riscritta e raccontata dal punto di vista di un altro dei personaggi (tipo versione lui/lei).
Trilogia: storia sviluppata sulla base di tre romanzi che si completano chiudendo un cerchio sui personaggi. Ogni romanzo è caratterizzato da 2 elementi: evento intorno al quale ruota lo sviluppo della storia di quel libro e finale cliff-hanger. Ogni libro deve caratterizzarsi per un elemento indipendente dagli altri (altrimenti basterebbe un romanzo solo da 1500 pagine) e il finale aperto è fondamentale per portare il lettore a bramare il seguito. Chiaramente il cliff-hanging non lo troveremo nel volume finale, altrimenti passiamo alla saga.
Saga: quando la storia si sviluppa attraverso più romanzi in un numero superiore a 3. Mi rifiuto di adottare i termini quadrilogia, pentalogia, esalogia, ettalogia, ottologia, mamma mia e pussa via!
Più di 3 libri è saga. Per tenere in piedi un opera magna come una saga il solito il romanzo è composto dall'intreccio di storie di mooooolti personaggi e appassionarsi ad una saga richiede non poca abilità mnemonica.
Una esempio universale? Trono di spade.
Ora, per quanto riguarda le prime tre categorie, sta all'autore decidere se fermarsi al romanzo unico, se raccontare cosa succede dopo, fare chiarezza su ciò che succede prima o lavorare su un personaggio secondario il tutto su una base estemporanea.
Per quanto riguarda trilogia e saga, nella mia modesta esperienza, sono del parere che serva un progetto forte con una struttura pensata. Per intenderci: non mi alzo una mattina e dico "Ma sì, scrivo anche il terzo libro su questo tema". Deve esserci qualcosa di pesante dietro, un evento che lo richieda.
I sequel, prequel e spin-off invece posso essere gestiti con più libertà, sempre però che ci sia qualcosa da dire!
Esempio di trilogia di cui si poteva fare a meno?! Il diario di Bridget Jones, Che pasticcio Bridget Jones e Un amore di ragazzo.


Helen Fieldng il terzo ce lo poteva risparmiare, visto il bel lavoro fatto con i primi due.
Confesso che io non sono un'amante di sequel, saghe etc. questo perché da lettrice sono rimasta delusa più di una volta: tanto ho amato il romanzo principale, tanto ho odiato i seguiti.
Sono giunta ad una conclusione: il lettore ha diritto a fantasticare sul finale. E' vero che una volta finito un libro che ho amato ne vorrei di più, ma nella mia testa lavoro alla storia con la mia fantasia e se vogliamo, il seguito me lo sogno un po' e mi piace. Poi arriva il sequel che non ha NULLA a che fare con la mia fantasia e arriva la dilusione di diludendo con tanto di Joe Bastianich che tira i piatti contro il muro.

Tutte noi vorremmo sapere cosa è successo a Pemberly dopo che Lizzie è diventata la signora Darcy, con carrozze più belle di Jane e una rendita di 10'000 sterline l'anno, ma la Austen ha saggiamente lasciato a noi il finale. (Lasciandoci anche la gioia di sognarci "Come sarebbe essere la moglie di Darcy?")

Scriverò mai dei sequel, prequel, spin-off, trilogie o saghe? Mai dire mai, perché chi dice "MAI", prima o poi il naso ce lo puccia.
I progetti a cui ho lavorato e sto lavorando sono autoconclusivi, ma non mi sembra di avere elementi abbastanza forti per buttarmi in un sequel o un prequel.
Spin-off? Sono già più interessanti perché si affronta una storia nuova (parlerò degli spin-off in un post a parte. E mi riferisco a Cécile e Harring, care signore), ma è essenziale che i personaggi abbiamo qualcosa dei contenuti e buchino la pagina. Nessuno vuole leggere uno spin-off su un personaggio anonimo e noioso.
Trilogie: se mai mi verrà in mente qualcosa di così strutturato da necessitare uno sviluppo in tre romanzi, perchè no (ma, almeno ora, non lo sento nelle mie corde).
Saghe: non mi reputo abbastanza brava. Sono una distrattona io, m'incasinerei con i dettagli.
Lettrici, cosa dite: siete pro sequel o no?
Autrice: vi stimola scrivere sequel/prequel/spin-off delle vostre opere?
Vi lascio con un gioco: scrivetemi una trilogia (oppure romanzo principale e relativo sequel) che vi è piaciuta e una che vi ha lasciato deluse.
Attente! Joe Bastianich ci osserva.


lunedì 12 giugno 2017

Hai una pistola in tasca o sei felice di vedermi?


Ricongiungendomi all'ultima domanda dell'intervista per il blog di Eleonora Magnotta, Once Upon a Time a Book, oggi parliamo di SESSO!


Ma non di sesso a casaccio, di sesso nei libri, più nello specifico, nei romanzi rosa.
Eggià, dal 2012, dal boom di Cinquanta sfumature di grigio, le streamy scenes si sono fatte sempre più presenti e direi che tutte ce ne siamo accorte.
Ho già detto che io non sono una fan di E.L. James, ho letto la trilogia di Cinquanta sfumature ma non mi ha presa, non mi ha emozionata, non mi ha fatto venire il batticuore e non mi sono innamorata di Mr. Grey. Però sono informata sui fatti.
Il tema è: quanto conta il sesso nei romanzi?
Prima delle Fifty Shades, la risposta era 30%, ossia, non rilevante ai fini della narrazione.
Per chi voleva leggere un romanzo pregno di "l'umido cuore della sua femminilità" o "la verga virile" sapeva di trovarle negli Harmony.
E siccome non sono qua a mettermi su un piedistallo mi costituisco subito dicendo: anche io ho letto Harmony!
Perchè allora Cinquanta sfumature non se n'è rimasto buono buono tra gli Harmony? Perchè propriamente non appartiene al gruppo: gli Harmony, per mia esperienza, sono brevi, romantici a livelli caramellosi e autoconclusivi.
I libri di E.L. James invece sono bestioni di 600 pagine, sono 3 e calati in atmosfera piuttosto cupa.
E questi aspetti hanno aperto alla casalinga inglese le porte delle librerie.
L'impatto sulle lettrici è stato devastante, tanto che le case editrici sono dovute correre ai ripari per la mancanza di libri erotici cercando fratelli, sorelle, zii, cugini di terzo grado delle Cinquanta Sfumature in modo da incontrare la richiesta.
In cuor mio speravo fosse una moda ma di fatto è caduta una barriera.
Diciamoci la verità, siamo nel 2017, la sfera sessuale all'interno della vita di coppia ha la sua importanza ed è difficile immaginare una storia d'amore che sorvola sul tema.
In Matrimonio di convenienza non sono entrata nel dettaglio dei rapporti tra Jemma e Ashford anche se, a un certo punto, è evidente e ampiamente dichiarato che i due protagonisti vivono una relazione sessuale piena e appagante, ma non mi sembrava necessario soffermarmi sull'inserimento di A in B.


Matrimonio di convenienza, mi sono detta, non è un romanzo erotico, non voglio spostare l'attenzione dalla storia (che sta in piedi da sola) alla camera da letto, rischiando di perdere interesse nel resto.
Ma torniamo abbbbbomba alla questione di quanto conta il sesso: è stato sdoganato e ha il suo peso quindi si può inserirlo anche all'interno di un romanzo rosa calibrando le scene e sfumandole. Già perché, se si esagera, è un attimo saltare dal rosa all'erotico.
C'è chi ha la mano leggera, tipo la Kinsella: i suoi sono vaghi accenni, frasi maliziose e qualche scena del "dopo". Ma lei è lei e può fare ciò che vuole, anche perché si è affermata nel 2000, quindi A.C., Avanti Cinquantasfumature (no Avanti Cristo).
C'è la Woodiwiss, che scrive romanzi d'amore a sfondo storico non erotici, ma nei quali il sesso esplicito non manca mai.
Per quel che mi concerne non ho pregiudizi e leggo sia rosa soft (quindi senza sesso) godendomi la storia, sia erotici.
Sugli erotici ho un appunto: non mi piacciono quelli fatti per scrivere di sesso e basta. Mi è capitato di leggere storie che non avevano una vera e propria trama se non una serie di coincidenze piuttosto dubbie e precipitose per fare finire a letto i due protagonisti e darci dentro con il sesso animalesco. Quelli no, non mi piacciono.


Quelli in cui c'è la storia, in cui la scrittrice mi prende per mano e mi porta nella vita dei protagonisti, in cui c'è un build up della tensione sessuale allora sì, quelli li leggo volentieri. Uno di questi, che ho letto di recente, mi è piaciuto e che ho consigliato è Wedding Girl, di Raffaella Poggi aka Velonero. Ma il punto di forza, per cui le steamy scenes funzionano è che la narrazione avviene dal punto di vista del protagonista maschile e, come dice Dio (Ken Follet): le donne raccontano le emozioni, gli uomini raccontano i particolari...e di solito sono più divertenti. Maledettamente vero, Ken!
Idem con patate per Mr. Sbatticuore della Clayton: ha una storia da raccontarci, ma il sesso non ce lo fa mancare, anzi coinvolge la lettrice nel build up della protagonista facendoti godere la narrazione. Il sesso vero arriva alla fine (forse ha esagerato un po', come se volesse compensare la mancanza nel resto del libro).
Quanto a me, e i miei prossimi progetti, sto valutando di entrare più nel vivo della sfera sessuale dei protagonisti, ma NO, non saranno romanzi erotici, il sesso non deve scavalcare la storia nei romanzi rosa, ma nel 2017, credo che non possa mancare.
La scrittrice, oggi, è praticamente obbligata a confrontarsi con il sesso, e non per allinearsi al mercato, ma per una maggior credibilità della storia che ha scritto. Se la storia deve essere verosimile, allora il sesso, anche se in misura contenuta, va affrontato.
Voglio farvi ridere: ho cercato in rete i consigli di autori che raccontano le loro tecniche per riuscire a scrivere una scena di sesso.
Sì, perché ogni romanzo ha il suo registro e deve essere mantenuto anche quando si affronta la descrizione dell'amplesso e non sempre è facile, anzi.
A queste disparatissime tecniche dedicherò un post a parte, ma sappiate che declino fin da ora ogni responsabilità XD.
Riassumendo: il sesso nel 2017 non si può più trascurare, ho deciso di farmene una ragione.
Appello alle lettrici: quanto sesso vi aspettate in un romanzo rosa (ROSA, non EROTICO)?
Appello alle scrittrici: quanto conta il sesso secondo voi?

martedì 6 giugno 2017

I don't speak social



"Se non sei sui social, non esisti", duro ma vero.
Se anche il mio idraulico ha un profilo Instagram in cui posta foto dell'installazione di lavandini e riparazione di sifoni rotti, il prima/dopo di un bagno allagato dalla lavatrice con tanto di casalinga disperata, allora dobbiamo farcene una ragione.



E così sono venuta a patti con me stessa. Felicia, fatti social.
Io ho un profilo Facebook personale dal lontano 2006, gli albori della piattaforma di Zuckerberg, e mi ci sono sempre trovata bene, usandolo più che altro per condividere "cazzate". Sì, dai, quei post un po' strani, a volte ridicoli, a volte sarcastici, a volte satirici...
Le mie pagine preferite sono "Il signor Distruggere", "Adottare soluzioni punk per sopravvivere" e "Alpha Women", per capirci.
 


Non accetto l'amicizia di chicchessia, ma solo di chi conosco, e ho la bellezza di 356
amici...vergognoso, eh?
Poi, due anni fa, mi sono fatta Instagram, sempre personale, ma siccome nei selfie vengo malissimo (e per malissimo intendo proprio quell'incrocio tra la bambina dell'esorcista e una medium in preda all'estasi), in genere pubblico panorami, e dettagli di vita #socute. Però, evidentemente, uso gli hashtag sbagliati visto che le mie foto hanno una media di 3/4 like, mentre i miei "amici" raccolgono plebisciti per lo scatto di una tazza di cappuccino.
Ma poi, quando Felicia Kingsley pubblica "Matrimonio di convenienza", la presenza sui social non è più uno svago, diventa una necessità: la necessità di esistere.
Così ho aperto il blog (questo), la pagina FB autrice e da pochissimo, il profilo Instagram.
Lati positivi: il contatto con lettrici e blogger. Devo dire che mi diverte tantissimo parlare e rispondere a tutte coloro che hanno voglia di condividere con me le loro impressioni sul mio romanzo.
Quindi, ragazze, prendete questa dichiarazione come un'autorizzazione a "disturbarmi" perchè i vostri feedback mi aiutano a lavorare meglio.
Veniamo alle dolenti note, ossia il motivo per cui "I don't speak social".
Io ho aperto tutti i profili di cui sopra, ma sto ancora cercando di ambientarmi, di capire come usarli, come vadano strutturati e come raggiungere, appunto, le lettrici.
Difficoltà numero 1: per tenere vivo un social, ogni giorno devi creare contenuti interessanti e pertinenti all'argomento per cui è stato creato. Mica facile, avere tutti i giorni l'idea giusta per FB, per il blog, per Instagram. Quando l'ispirazione non arriva è frustrante, mi sembra di appartenere a un altro secolo, invece, a quanto pare, sono a tutti gli effetti una Millennial, e porca vacca, devo darmi una svegliata. Però, quando il lampo di genio m colpisce, me la godo un sacco a scrivere l'intervento per il blog, a fotografare pic per IG, o elaborare in photoshop il contenuto per FB.
Difficoltà numero 2: i numeri, appunto. Il social vive delle visite, dei like e dei follow, se questi non ci sono, i contenuti sono proiettili sparati a salve. Ecco, questo ancora sto faticando a metabolizzarlo, in particolare Instagram. Io sono una persona metodica, do like e follow a quelle pagine che mi interessano e a quei contenuti che per me significano qualcosa, quindi immaginerete quanto sia disorientante trovare 10 like alla foto di "Matrimonio di convenienza" con una citazione di Jemma e Ashford provenienti da parrucchiera siberiana; tecnomaniaco coreano; ristoratore asador argentino; creatrice di gioielli di conchiglie hawaiana; personal trainer palestrato canadese.
Non che questi like non mi facciano piacere, ma non posso non domandarmi come il contenuto del mio romanzo possa averli interessati.
Per non parlare di quelli che ti mettono il follow e poi te lo tolgono un secondo dopo se non contraccambi. No, non verrò in Michigan per compare i tuoi pavimenti a 1 dollaro. A trenta kilometri da casa mia c'è Sassuolo, e se glielo chiedo, per 2 euro mi piastrellano anche la macchina!!!
Difficoltà n.3: Twitter. Serve proprio? Ditemelo voi... se mi volete su Twitter, aprirò anche quello, ma prima dovete spiegarmi cosa scriverci. Nel caso ho un libro dell'anteguerra con le barzellette di Pierino al quale attingere.
Difficoltà n.4: i follow arrivano con il contagocce, ma è normale, specie per un profilo neonato. Questo mi porta a domandare come altri utenti (che non siano Kim Kardashian) abbiamo milioni di followers senza avere pubblicato contenuti (2-3 foto al massimo). Mah? Voi lo sapete?
Questa fa ridere: LinkedIn. Dovrebbe essere un portale per mettere in collegamento professionisti e aziende, ma il mio profilo è visitato unicamente da uomini che NON hanno a che fare per nulla al mondo con la mia professione. Sono giunta alla conclusione che sia una specie di Tinder per yuppies.
Queste, in linea di massima sono le ragioni per cui, nonostante il mio impegno, sento di essere ancora una neofita nell'uso dei social, ma non prendetela come una polemica, perché aldilà delle 4 difficoltà da me annotate, mi piace gestirli, mi piace quello che pubblico, adoro interagire con gli utenti che visitano le mie pagine e tenerli "attenzionati" è uno stimolo costante a fare meglio.
I social mi danno l'opportunità di venire in contatto con i destinatari dei miei libri (ok, per ora pubblicato solo uno, ma altri due stanno per vedere la luce e un terzo è writeinprogress, quindi permettetemi di parlare al plurale), rispondere a dubbi/domande, creare collab interessanti con le blogger e organizzare i giveaway.
Prendete il post di oggi come un messaggio in bottiglia, in cui vi chiedo apertamente cosa volete vedere sui miei social, se c'è qualcosa che cambiereste, se devo aprire Twitter, e se c'è qualche argomento in particolare di cui vi piacerebbe leggere sul blog.



E voi, ditemi, che social usate? Qual'è il vostro preferito? Cosa non vi piace dei social? Anche voi incontrate o avete incontrato le mie stesse difficoltà?